Direttore  Responsabile Ludovico RAIMONDI

Collaboratore Vincenzo RAIMONDI

www.giulianovailbelvedere.it, sede legale a Giulianova (Te), Viale dello Splendore 12/a
Redazione
Opinioni
WebCam
Meteo
I ricordi
Fotogallery
Link vari
Attualità
POLITICA 2019
 
Cittadino Governante
Interrogazione su acqua sversata in un canale a mare della spiaggia nord
 

 

GIULIANOVA, 4.9.2019 - Il Gruppo consiliare Il Cittadino Governante ha presentato al Sindaco Jwan Costantini e al Presidente del Consiglio comunale Paolo Vasanella la seguente interrogazione:

ABBONDANTE ACQUA APPARENTEMENTE NON PULITA SVERSATA IN UN CANALE A MARE NONOSTANTE IL SOLE

Abbiamo notato -  e lo abbiamo segnalato ai Vigili Urbani - che nei giorni 28 e 29 agosto c’è stato un abbondante e prolungato sversamento nel mare di acque apparentemente non pulite provenienti dal canale a mare sito all’altezza della colonia “Rosa Maltoni”. La consistenza dello sversamento è stata tale da esondare ampiamente rispetto al letto del canale. La notizia è stata riportata anche dalla stampa da cui abbiamo appreso che si tratterebbe di acqua proveniente da un cantiere edile.

Questo grave fatto è accaduto in piena estate, con tanti turisti sulla spiaggia, con cielo sereno da molti giorni.

Abbiamo notato, inoltre, che pur in assenza di allarme meteo in quei giorni erano aperti  4 canali su 17, precisamente quelli che si trovano tra il canale suddetto e la spiaggia libera a sud della Conchiglia.

Chiediamo:

  1. Come mai erano aperti proprio quei 4 canali a mare in mancanza di una motivazione plausibile?

  2. C’è stato il rilascio da parte del Comune di un’autorizzazione in merito?

  3. Prima dell’autorizzazione è stata seguita la procedura che prevede l’analisi delle acque da smaltire ed il successivo parere del Servizio di Igiene della ASL?

  4. Qual era la natura dell’abbondante sversamento nel mare?

  5. Chi ha autorizzato l’apertura di quei canali?

  6. Quali azioni amministrative sono state adottate a seguito della segnalazione?

Vogliamo ricordare che nei canali a mare possono essere sversate le acque di falda provenienti da cantieri edili solo dopo essere state controllate, e questo, comunque, non può essere fatto in estate in quanto da una parte danneggerebbe il turismo e dall’altra creerebbe sovraccarico e conseguente malfunzionamento del depuratore stesso.

Se teniamo al turismo, dobbiamo ricordarci, tutti, che è necessario rispettare l’ambiente, a partire dal nostro mare, a cominciare dall’Amministrazione comunale e dai dirigenti  che devono essere molto attenti nelle decisioni che prendono e nei controlli sul territorio.

 

Il Gruppo consiliare Cittadino Governante

 

«La notizia è stata riportata anche dalla stampa da cui abbiamo appreso che si tratterebbe di acqua proveniente da un cantiere edile»

 
 
 

  Testata giornalistica iscritta al n° 519 del 22/09/2004 del Registro della Stampa del tribunale di Teramo