www.giulianovailbelvedere.it, sede legale a Giulianova (Te), Viale dello Splendore 12/a
@CONTATTI
 
 

Sabato prossimo, 4 febbraio, alle 18,  dialogo al Kursaal sul tema della follia

 

 

 

Attualità
cultura 2023

 

 
Associazione "Forum Artis"
Annacarla Valeriano e Stefano Redaelli nel secondo incontro di “Parole in circolo”
 

 

GIULIANOVA, 31.1.2023 - Si è aperta con grande successo la II Edizione della rassegna culturale “Parole in circolo”, che si appresta a portare a palazzo Kursaal di Giulianova il tema della follia. Sabato 4 febbraio, alle 18, saliranno sul palco Annacarla Valeriano, storica e saggista, e Stefano Redaelli, scrittore e professore di letteratura Italiana presso la Facoltà “Artes Liberales” dell’Università di Varsavia. Entrambi dialogheranno con la giornalista Alessandra Angelucci, curatrice del ciclo di incontri, ripercorrendo le tappe della loro ricerca storica e personale con al centro la fragilità umana, la condizione degli uomini e delle donne nei manicomi, lo scavo del corpo e della mente di fronte al disagio psichico.

L’evento vedrà anche il saluto del dottor Domenico De Berardis, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale della Asl di Teramo.

La rassegna “Parole in circolo” è organizzata dall’ associazione “Forum Artis – Cultura in movimento”, in collaborazione con la Biblioteca civica “Vincenzo Bindi” ed il patrocinio dell’Amministrazione comunale – Assessorato alla Cultura.

L’invito a partecipare è rivolto a tutti. Ogni incontro è a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Pagina ufficiale FB: @paroleincircoloeventi

Visita: www.visitgiulianova.com

Annacarla Valeriano si è sempre occupata del tema, pubblicando saggi di successo pluripremiati, quali “Ammalò di testa. Storie dal manicomio di Teramo (Donzelli, 2014)”, “Malacarne. Donne e manicomio nell’Italia fascista (Donzelli, 2017)”, e a “Parole in circolo” presenterà la sua recente pubblicazione “Contro tutti i muri – La vita e il pensiero di Franca Ongaro Basaglia” (Donzelli, 2022). Valeriano porrà l’accento “sul legame della libertà, come atto di volontà politica tra due persone – Franco e Franca Basaglia – che scelgono di incontrarsi per misurarsi nelle reciproche contraddizioni e dar vita a qualcosa di nuovo”, quella che ricordiamo come una delle rivoluzioni culturali tra le più importanti del Novecento, la chiusura dei manicomi.

Stefano Redaelli s’interessa dei rapporti tra letteratura, medicina, scienza e spiritualità. La sua rara sensibilità lo ha portato alla scrittura del romanzo “Beati gli inquieti” (Neo, 2021), Selezione Ufficiale Premio Campiello, Premio Napoli e Premio Flaiano 2021. Un romanzo che ha destato interesse per la sua particolare genesi e lo spiccato lirismo. Eugenio Borgna, noto psichiatra e scrittore, ha così commentato: “Non saprei indicare altri testi che possano essere paragonati alla leggerezza e alla profondità di Beati gli inquieti. Come non saprei trovarne altri che vi si possano avvicinare nella creatività e nel rispetto della follia”. Redaelli, a Giulianova, ci parlerà dei folli presenti in “Beati gli inquieti” e nel suo recente “Ombra mai più” (Neo, 2022), che può definirsi il sequel della precedente opera. L’interrogativo rivolto al lettore è “Chi l’ha detto che i matti mettono tristezza?”.

 
 
Correlati
Michele Santoro in apertura dell'edizione 2023 della rassegna 'Parole in circolo'
 
GIULIANOVA, 29.1.2023 - Kursaal gremito, questa sera, per il monologo di Michele Santoro "La speranza al potere. Il sogno di un partito che non c'è".

 

Hanno preceduto l'incontro con il giornalista, data zero di un ciclo di incontri italiani, i brevi interventi di Alessandra Angelucci, organizzatrice della rassegna "Parole in circolo" che ospita l'evento, e dell'assessore alla Cultura Paolo Giorgini. Entrambi hanno ringraziato il direttore della sede Rai abruzzese Massimo Liofredi, e Valerio Di Mattia, che ha curato i contatti.


Poco dopo le 18, Giulianova, città pronta all'ascolto, "città aperta", come l'ha definita Giorgini, ha accolto con un grande applauso l'entrata in scena di Santoro.
 

"Prove spirituali di trasmissione": la serata, ha detto il giornalista, rientra in una serie di tappe, in una nuova esperienza professionale motivata da ragioni intime, psicologiche, da un personale bisogno di tornare a "guardare i volti, sentire i battiti del cuore della gente".

 

Punto di partenza del suo discorso, la constatazione, condivisibile, di star vivendo una politica che è il "grande ignoto" dell'Italia di oggi. Troppo facile, dinanzi alla scissione tra disillusione e speranza, parlar male di quel che c'è. Più difficile, ma più accattivante, provare a decifrare il desiderio collettivo di ciò che si vorrebbe che fosse, provare a sognare "il partito che non c'è".

 

Erano presenti in sala anche esponenti della minoranza, segnale inequivocabile di un evento organizzato nel segno di una proposta culturale non divisiva, spunto di dibattito democratico, contro tutti i pregiudizi.

 
 

GIULIANOVA, 24.1.2023 - E’ già un appuntamento attesissimo in tutta la provincia. Michele Santoro arriva a Giulianova domenica prossima, 29 gennaio, per presentare in anteprima nazionale il suo monologo “La speranza al potere – il sogno di un Partito che non c’è”. Nello scenario del Palazzo Kursaal, luogo dell’identità giuliese, il giornalista che più di tutti ha saputo coniugare impegno civico, informazione e riflessione politica, proporrà una personale analisi sul difficile momento che attraversa la nostra nazione e sulle difficoltà dello scenario politico contemporaneo.

Sarà proprio l’Abruzzo, dunque, ad ospitare la “data zero” dello spettacolo di Santoro grazie alla disponibilità dell’autore ed al generoso impegno del Direttore Massimo Liofredi che ha fortemente voluto la regione e la stessa città di Giulianova al centro del palcoscenico.

Per Massimo Liofredi, Michele Santoro rappresenta un giornalista dallo stile unico nel panorama dell’informazione nazionale.

«Mi lega a Michele Santoro – afferma il direttore - un grande sentimento di amicizia e di rispetto professionale che risale al tempo del lavoro comune in Rai sviluppato con la trasmissione “Anno Zero”. In quegli anni, nel mio ruolo di direttore della rete, potei apprezzare l’acume, l’intelligenza, la generosità di un giornalista capace di appassionare per il particolare metodo di lettura della realtà, per la lucidità e per l’abilità di prevedere nuove tendenze sociali attraverso l’analisi dei dati”. Allo spettacolo di Giulianova si vuole aggiungere anche un ulteriore valore destinato alla cittadinanza. La presenza fisica dei cittadini ad eventi centrati sulla riflessione e sull’informazione pubblica - prosegue infatti Liofredi - rappresenta concretamente la prima forma di partecipazione alla vita collettiva. Sul tema del coinvolgimento cittadino ho riscontrato il pieno impegno della città di Giulianova, mostratasi subito pronta ad accogliere l’evento costituendo una rete di collaborazioni scevra da qualsiasi forma di partigianeria. Per questo motivo voglio ringraziare l’Amministrazione Comunale nella persona dell’Assessore alla Cultura Paolo Giorgini, l’associazione “Forum Artis – Cultura in movimento” organizzatrice della manifestazione culturale “Parole in Circolo”, la Direttrice Elisa Leuzzo e la Tv Super J per la consulenza logistica e per la piena disponibilità a seguire l’evento. Un ringraziamento particolare va alla persona di Valerio Di Mattia che con massimo impegno ha saputo cucire le tante relazioni necessarie al raggiungimento dell’obiettivo».

 
 

GIULIANOVA, 15.1.2023 - Dopo il successo della prima edizione, a partire da domenica 29 gennaio 2023, torna al Kursaal di Giulianova la rassegna culturale “Parole in circolo”, ideata e organizzata dall’associazione “Forum Artis – Cultura in movimento”, in collaborazione con la Biblioteca civica “Vincenzo Bindi” e con il sostegno dell' Assessorato alla Cultura del Comune di Giulianova.

L’iniziativa porterà in città un calendario ricco di autori, artisti e giornalisti di grande richiamo, con il fine di creare momenti di ascolto e riflessione ma anche di ilarità e spensieratezza. Il primo appuntamento, previsto per il 29 gennaio, alle 18, al Kursaal, vedrà protagonista il giornalista Michele Santoro che presenterà per la prima volta il suo monologo “La speranza al potere. Ovvero il sogno del partito che non c’è”, un affondo acuto e senza sconti sulla situazione politica italiana.

«Sono molto soddisfatta - sottolinea la curatrice e conduttrice degli incontri Alessandra Angelucci - della programmazione e della rinnovata collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Giulianova e la Biblioteca Bindi. Da sempre credo che la cultura, intesa come veicolo di valori ed esperienze a confronto, sia il fondamento per la costruzione di ogni ponte che colleghi l’uomo alla conoscenza di se stesso e alla crescita umana e sociale. La rassegna "Parole in circolo" è soprattutto questo: possibilità di ascolto attraverso le parole e gli interrogativi offerti da professionisti noti del panorama italiano che ci commuoveranno, ci faranno sorridere e, perché no, ci destabilizzeranno un po’».

«Con “Parole in circolo” – spiega Sirio Maria Pomante, direttore della Biblioteca “Bindi” – la Biblioteca comunale aggiunge un importante tassello alle tante attività di miglioramento dei servizi e di promozione della lettura che la vedono impegnata tutto l’anno assieme all' Assessorato alla Cultura, alle associazioni e agli istituti comprensivi del territorio e che permettono a Giulianova di essere annoverata dal Ministero della Cultura “Città che legge”».

«Sono certo - conferma l’assessore Paolo Giorgini - che l'edizione 2023 coglierà l’attenzione dei cittadini giuliesi e non solo, proprio come accaduto con successo lo scorso anno. Un calendario d’appuntamenti molto valido, in cui nomi di rilevanza nazionale offriranno occasione per ritrovarsi intorno a temi sociali urgenti e a ricorrenze importanti, come l’appena trascorso trentennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio».

Pagina ufficiale FB: https://www.facebook.com/paroleincircoloeventi

Ingresso libero.

 

Ufficio di staff

Comune di Giulianova

 

  Testata giornalistica iscritta al n° 519 del 22/09/2004 del Registro della Stampa del tribunale di Teramo