Direttore  Responsabile Ludovico RAIMONDI

Collaboratore Vincenzo RAIMONDI

www.giulianovailbelvedere.it, sede legale a Giulianova (Te), Viale dello Splendore 12/a
Redazione
Opinioni
WebCam
Meteo
I ricordi
Fotogallery
Link vari
Dal Mondo
appunti da tenerife
 

Rosa Cavaliere: «Tenerife è sempre un paradiso, ma non al buio»

 
 

di Ludovico Raimondi

PUERTO DE LA CRUZ (Tenerife), 29.5.2017 - Rosa Cavaliere è una manager nel senso pieno della parola. Sprigionando carismatica professionalità e femminilità ed energia imprenditoriale positiva, a quattro anni dal suo sbarco a Tenerife è titolare oggi di un'agenzia di servizi, di viaggi e immobiliare, "Canarieperte, la casa degli italiani" che, giovandosi della solerte collaborazione di Floriana, Federica e Davide,  e di una fitta rete di contatti e relazioni, non soltanto è molto attiva nel settore vacanziero canario ma è diventata anche un punto di riferimento costante, puntuale e competente nelle procedure complete di trasferimento per i tantissimi nostri connazionali sempre di più inclini a scegliere le Canarie, e in specie Tenerife, per girare pagina nella loro vita. Non a caso Rosa, sull’argomento di grande attualità, viene sovente intervistata da riviste specializzate, giornali, siti web e televisioni nazionali italiani.

Il quartier generale di Rosa insiste a metà della "fossa" di Calle La Hoya, una delle vie più caratteristiche di Puerto de la Cruz, civettuola cittadina di circa 30 mila abitanti sulla costa nord-ovest di Tenerife. "Canarieperte"  parteciperà alla Fiera Internazionale "Passione Italia", il grande evento del "Made in Italy" in Spagna, che, alla presenza del Console e delle più alte cariche istituzionali, farà tappa Sabato 10 Giugno ad Adeje, a sud di Tenerife.

 

Cosa significa, per voi, la partecipazione alla Fiera delle eccellenze italiane?

«Un grande onore, perchè rappresenta il riconoscimento della nostra professionalità in una manifestazione molto selettiva, alla quale non tutti hanno la possibilità di partecipare. Per noi è il primo anno», ci spiega Rosa Cavaliere con fierezza emiliano-romagnola, tra un vortice di telefonate e un via vai di clienti nel suo sobrio e vivace ufficio in Calle La Hoya.

 

 

 

Da sinistra  Federica e Floriana, le collaboratrici di Canarieperte oltre a Davide, con Rosa Cavaliere

 

 

 

 

In che misura è cresciuto il flusso dei "migranti" italiani nel ultimi anni? E qual è la loro diversa tipologia?

«Il flusso è triplicato. Sono quattro le fasce di nostri connazionali che vengono a Tenerife: 1) I pensionati. Chi ha una pensione di 1000-1500 può permettersi un buon tenore di vita grazie al maggiore potere di acquisto rispetto al nostro. Ma vengono anche tanti pensionati da 600 euro al mese che in Italia non riescono ad arrivare a fine mese e qui, a Puerto de la Cruz per esempio, vivono dignitosamente; 2) I giovani in cerca di lavoro. Il turismo, la risorsa più importante delle isole, ne offre a chi ha voglia di lavorare e non cerca solo il "paese dei balocchi"; 3) Le famiglie, con uno o 2 figli, che magari il lavoro lo hanno perso in Italia e, con le valigie in mano, vogliono ricominciare una vita nuova perchè non riescono più ad andare avanti  per via delle tasse, della crisi, della situazione generale del nostro paese; 4) gli investitori. A Tenerife vi sono condizioni particolarmente favorevoli nel settore immobiliare. Con 55 mila euro si possono acquistare monolocali che garantiscono una rendita dell'8%. Proprio in questi giorni ho avuto contatti con un gruppo di imprenditori bolognesi disposti ad investire 600 mila  euro nel settore della ristorazione che, però, non avrebbero reso secondo le aspettative. Su nostro consiglio, hanno investito la metà del budget in immobili con la prospettiva di un sicuro vantaggio»

 

- Un tale esodo spinge a pensare che per voi, agenzie, è un momento d'oro. Ma quali sono le maggiori difficoltà nel gestire questa ondata? E con chi?

«Le situazioni più difficili riguardano proprio le famiglie che si trasferiscono qui al buio. Spesso si ritrovano  senza soldi per pagare l'affitto e di fronte allo sfratto, che viene fatto eseguire con severità. E allora occorre aiutare e sostenere chi si ritrova in queste condizioni di grave disagio»

 

- Cosa fare, allora? Qual è il consiglio che si sente di dare?

«Ponderare. Ci tengo a sottolineare che il nostro compito non è quello di lucrare sulla voglia di trasferimento a Tenerife ma di consigliare e indirizzare. Noi consigliamo innanzitutto una vacanza esplorativa, preliminare. Vale a dire, venire prima per alcuni giorni durante i quali verificare e valutare tutte le condizioni necessarie ad una scelta oculata e non improvvisata»

 

- Eppure c'è chi si affida, con buon esito, al "fai da te", anche via internet...

«Se si è capaci di farlo e si conosce la lingua, perchè no? Ma non tutti sono in grado e in condizioni di fare da soli. La lingua è un elemento fondamentale per riuscirci, perchè ormai neanche la "policia" riesce a reggere più l'impatto con gli immigrati che non sanno lo spagnolo e devono procedere agli adempimenti d’ingresso. Per questo "Canarieperte" ha avviato corsi di spagnolo per aiutare chi si trasferisce a Tenerife a inserirsi al meglio»

 

- In definitiva, quali sono le peculiarità che inducono a scegliere Tenerife?

«La vita meno cara, specialmente al nord dell'isola, che è anche turisticamente più tranquillo, non da "movida", per intenderci, rispetto al sud. Come già detto, a Puerto de la Cruz un pensionato da 600 euro mensili può permettersi affitto di casa e mangiare, una coppia di pensionati anche qualche cena fuori e altri piccoli sfizi. Un cameriere con 800 euro mensili vive bene, se solo e senza famiglia ancora meglio. E poi il clima. Qui, anche se non puoi permetterti un tenore di vita elevato, puoi uscire la sera e vivere ugualmente la vita»

 

- C'è chi sostiene, tuttavia, che Tenerife, o come Tenerife le Canarie in genere, non è più il Paradiso di una volta. E' vero?

«Tenerife non è l'Isola che non c'è, nè il Paese dei balocchi. L'isola c'è. Non è più il Paradiso al 100%? Lo è al 50%? Sempre Paradiso è».

 

Idea resa nella maniera più efficace.

Intervista alla titolare dell'agenzia "Canarieperte, la casa degli italiani", che, giovandosi della solerte collaborazione di Floriana, Federica e Davide, e di una fitta rete di contatti e relazioni, non soltanto è molto attiva nel settore vacanziero canario ma è diventata anche un punto di riferimento costante, puntuale e competente nelle procedure complete di trasferimento per i tantissimi nostri connazionali sempre di più inclini a scegliere le Canarie, e in specie Tenerife, per girare pagina nella loro vita. Il consiglio, però, è di ponderare le condizioni di trasferimento
 

 

Correlato

Giulianova sul belvedere: Primo Piano, sezione della prima pagina dedicata agli avvenimenti più rilevanti e più recenti di Giulianova, della Provincia di Teramo, dell'Abruzzo, dell'Italia e del Mondo Due mesi di Puerto de la Cruz di Tenerife

 

  Testata giornalistica iscritta al n° 519 del 22/09/2004 del Registro della Stampa del tribunale di Teramo