Direttore  Responsabile Ludovico RAIMONDI

Collaboratore Vincenzo RAIMONDI

www.giulianovailbelvedere.it, sede legale a Giulianova (Te), Viale dello Splendore 12/a
Redazione
Opinioni
WebCam
Meteo
I ricordi
Fotogallery
Link vari
News
PROVINCIA 2017

Chiuso per 15 giorni dal Questore di Teramo un bar di Roseto

 

TERAMO, 14.4.2017 -  Questa mattina personale del Commissariato di Atri, con la collaborazione di unità del  Reparto Prevenzione Crimine di Pescara  ha notificato un’ordinanza di chiusura per 15 giorni emessa dal Questore di Teramo nei confronti del titolare di un bar situato in Roseto degli Abruzzi, via Basilicata.

Il provvedimento questorile è stato adottato ai sensi dell’art. 100 T.U.L.P.S. a seguito dei ripetuti controlli negli ultimi tempi effettuati dagli uomini del Commissariato di P.S. di Atri e dalle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo di Pescara dai quali è emerso che il locale è luogo di aggregazione di persone con pregiudizi penali e di polizia, con riguardo soprattutto allo spaccio delle sostanze stupefacenti, oltre che reati contro il patrimonio.

In  numerose occasioni, dal 2015 all’ultimo controllo effettuato nel marzo 2017 è stato accertato che la clientela abituale  identificata all’interno dell’esercizio pubblico si era resa responsabile di reati anche gravi, sì da far ritenere che quel bar costituisse un vero e proprio luogo di ritrovo di persone pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Nel corso di ulteriori controlli amministrativi effettuati dal Commissariato di Atri è stata, altresì,  sanzionata amministrativamente una sala scommesse di Silvi, sita in via nazionale Adriatica,  per assenza della cartellonistica obbligatoria per legge del divieto di fumare.

 Il titolare dovrà versare pertanto 440 euro per la violazione accertata.

   
 

Portavoce Addetto Stampa

Questura di Teramo

V.Q.A. Dr. Mimmo De Carolis

Il provvedimento questorile è stato adottato ai sensi dell’art. 100 T.U.L.P.S. a seguito dei ripetuti controlli negli ultimi tempi effettuati dagli uomini del Commissariato di P.S. di Atri e dalle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo di Pescara dai quali è emerso che il locale è luogo di aggregazione di persone con pregiudizi penali e di polizia, con riguardo soprattutto allo spaccio delle sostanze stupefacenti, oltre che reati contro il patrimonio.

 

 

 

  Testata giornalistica iscritta al n° 519 del 22/09/2004 del Registro della Stampa del tribunale di Teramo