www.giulianovailbelvedere.it, sede legale a Giulianova (Te), Viale dello Splendore 12/a
@CONTATTI
 
 

 
Costantini, nei giorni scorsi, aveva chiamato le categorie turistiche, commerciali ed economiche alla mobilitazione davanti agli uffici della Asl (clicca qui)
 
News
giulianova 2021

 

 
Zone Rosse
Incontro della Asl con i sindaci: Parametri in netto miglioramento
 

GIULIANOVA, 27.4.2021 - Si è tenuto ieri, a Teramo, un incontro con i vertici della Asl alla partecipazione dei sindaci delle zone rosse, tra cui il primo cittadino di Giulianova Jwan Costantini, al fine di analizzare i dati forniti in queste settimane, che hanno portato l’unità di crisi alle decisioni di maggiori restrizioni.

«Ringraziamo l’Azienda Sanitaria Locale per aver ricevuto, celermente, i sindaci – dichiara il sindaco Costantini – dopo una attenta valutazione dell’esame epidemiologico in base alla relazione della Asl sui comuni colpiti dalla zona rossa, che verrà inviata all’unità di crisi, si evidenzia che alcuni territori che erano stati colpiti dal provvedimento restrittivo, in questo momento, presentano ottimi parametri. Siamo quindi certi, pertanto, del lavoro dell’unità di crisi, la quale ci auguriamo si attivi, nel minor tempo possibile, per ripristinare in questi comuni uno stato di normalità, visto il numero di contagi attualmente al di sotto di quanto preventivato e degli indici di accelerazione che non rispecchiano i dati delle settimane precedenti”.

 
 
Correlati
I sindaci di Giulianova e Martinsicuro ora chiedono un tavolo di confronto
 

GIULIANOVA, 25.4.2021 - I sindaci Giulianova e Martinsicuro, Jwan Costantini e Massimo Vagnoni, a seguito dell’ordinanza recentemente emanata dalla Regione Abruzzo che pone in zona rossa i due comuni fino a domenica 2 maggio, chiedono urgentemente un tavolo di confronto all’Unità di Crisi e alla Asl di Teramo.

«La richiesta di un tavolo di confronto si rende assolutamente necessaria al fine di capire le ragioni che hanno portato l’unità di crisi e la Asl alla decisione della zona rossa per i nostri comuni – dichiarano i primi cittadini – anche in considerazione degli esigui numeri dei contagi ed il trend in netta diminuzione nell’ultima settimana ed in base ai dati forniti da alcuni comuni limitrofi che evidenziano una situazione analoga o, addirittura peggiore della nostra. Alla luce di questo ci auguriamo che sia possibile rivedere l’ordinanza prima della giornata di venerdì 30 aprile. L’ulteriore danno economico che subiranno le nostre realtà non è quantificabile ed è nostro diritto avere chiarezza sulla ripartizione delle zone rosse».

I sindaci Jwan Costantini e Massimo Vagnoni

 
 
Anche la Pro Loco Giulianova chiede a Marsilio di fare marcia indietro
 

Inspiegabile decisione. Oggi anche la Pro Loco Giulianova, come associazione apartitica, non può non prestare la propria voce a favore dei suoi oltre trenta soci esercenti di Giulianova, da mesi obbligati alla chiusura della propria attività o aperti con restrizioni al limite del tollerabile, che aspettavano con ansia la riapertura del 26 aprile.

L’indignazione è diffusa su tutto il territorio riguardo all’obbligo di far restare Giulianova in zona rossa fino al 3 Maggio con un indice ufficiale RT di 0,68, che non giustifica tale decisione.

Uniti ci appelliamo al buon senso del Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio per verificare l’errore assunto nei confronti di Giulianova, per dati probabilmente non aggiornati inviati dalla Asl di Teramo.

Certi della sua comprensione attendiamo una celere risposta affinché le attività Giuliesi possano riaprire, come del resto accade nella maggior parte del territorio nazionale con RT inferiore a 1.

Pro Loco Giulianova Vivere Il Mare

 
 

  Testata giornalistica iscritta al n° 519 del 22/09/2004 del Registro della Stampa del tribunale di Teramo